Login Login Registrazione Registrazione
Castello Oldofredi Di Iseo, ingresso

CastelloOldofrediDi Iseo

<< Settembre 2014 >>
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

RSS Facebook

Castello Oldofredi Di Iseo

Descrizione

Il Castello Oldofredi di Iseo sorge in favorevole posizione, su una collinetta al centro del nucleo storico del paese. Si presenta a pietra viva con pianta rettangolare fornito di massicce torri angolari, costruzione di carattere essenzialmente difensiva fu distrutta a più riprese.

Attualmente, dopo decenni di abbandono, si sta lentamente effettuando un restauro conservativo. Si può accedere liberamente al piano terreno del castello, dove si trovano la biblioteca, un piccolo museo della guerra ed il chiostro.

Per chi volesse fruire invece anche del primo piano e dei torrioni, dai quali si puà godere di una splendida vista sul lago, è necessario contattare il Comune di Iseo e fare richiesta. Il numero di telefono è il seguente: 030 980161.

Scheda Compilata da: Dott. Andrea Orlando Scheda Compilata da: Dott. Andrea Orlando

  • Ubicazione: Via Mirolte - Iseo - Brescia
  • Epoca: XI secolo
  • Proprietà: Comune
  • Condizioni: Buone
  • Visitabile: Si, gratuito
  • Visitato da iCastelli.it: No


Storia

Il Castello Oldofredi di Iseo fu costruito intorno all’anno 1000 dagli Oldofredi, e divenne per Brescia un importante caposaldo militare ed anche commerciale, con il rapido sviluppo del mercato e del porto. Con la discesa del Barbarossa nel 1161 subì il primo assedio e il primo incendio. Fu poi la volta del nipote di Barbarossa, Federico II, anch’egli si accanì sul maniero distruggendolo. In entrambe le occasioni Brescia si affrettò a ricostruirlo e a risarcire i cittadini d’Iseo dell’assedio subito.

Iseo si sviluppò fino alla seconda cerchia di mura grazie anche alla sviluppoartigianato da parte degli Umiliati. Nel 1288 il castello fu distrutto dai ghibellini camuni guidati dai Federici. I cittadini d’Iseo aumentarono le fortificazioni e si allearono con i Visconti e gli Scaligeri, i quali nel 1331 aiutarono la ricostruzione del castello e delle mura. Quando Iseo nel 1426 passò a Venezia, gli Oldofredi dovettero prendere la via dell'esilio. Il centro acquistò prestigio: se lo sviluppo economico è attestato dalla presenza fin dal 1460 di un banco tenuto da ebrei, l'importanza commerciale trova riscontro anche nello studio da parte di Leonardo da Vinci di un canale navigabile Bergamo-Brescia via Iseo.

Il castello divenne nel seicento sede di un convento e subì degradanti modificazioni strutturali, sopratutto all'interno.

Nel 1784 gli artigiani lanieri si costituirono in "università", a testimonianza dell'importanza assunta da questo settore nell'economia del paese, sulla quale poggiava la borghesia che salutò favorevolmente l'arrivo della Repubblica Cisalpina. Importanza ebbe anche il settore della seta. Con gli Asburgo arrivò l'illuminazione pubblica (1819, trasformata a gas nel 1873, elettrificata nel 1898), fu costruito il nuovo cimitero (1822), fu aperto l'ospedale (1841). Nel 1834 furono aperte regolari linee di navigazione sul lago. Nel 1870-80 furono avviate tre filande a vapore e nel 1875 fu allargato il porto, dal quale passava l'80 per cento dei cereali diretti in Valcamonica. Dieci anni più tardi fu inaugurata la linea ferroviaria Brescia-Iseo: il suo prolungamento fino a Edolo (1907) farà perdere ad Iseo il ruolo di nodo dei traffici verso la Val Camonica.

 

 

Come Arrivare

Guarda la mappa interattiva

Inserendo la Città di partenza nel form in basso appariranno le indicazioni dettagliate per raggiungere questo Castello.

Galleria Fotografica

Castello Oldofredi Di Iseo, ingresso    

Prezzi / Orari 2014

La visita al Castello è gratuita!

Eventi

Nessun Evento Segnalato !

Per informazioni e contatti: info@icastelli.it - C.F: RLN NDR 78H13 H264 X
icastelli.itin collaborazione con: Castelli e Alberghi di Charme Castelli e Alberghi di Charme
Page copy protected against web site content infringement by Copyscape