Castello Di Craco

Castello Basilicata, Matera - Craco

Epoca
XIII Secolo
Visitabile
Si, gratuito
Proprietà
Comune

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Centro di origine pre-romana fiorito tra l'VIII ed il VI secolo a.C., di cui sono state rinvenute alcune tombe in contrada S. Angelo.
Del periodo antico non si sa molto e le prime notizie certe dell'esistenza di Graculum o Cracum sono databili al periodo della conquista normanna della Basilicata e del Sud Italia (XI sec.). Nel 1060 viene registrato tra i possedimenti dell'arcivescovo Arnaldo di Tricarico. La presenza dei religiosi suggerisce che il ripopolamento della collina su cui sorgeva l'antico centro pre-romano sia stato effettuato dai monaci basiliani nel X secolo.

Sotto i Normanni fu assegnato a Erberto (1154-1168) e Roberto di Pietrapertosa (1176-1179) e con gli Svevi a Goffredo (1239). Al tempo il Castello in cima alla collina già esisteva.

Con la salita al trono di Carlo I d'Angiò (1268) Craco venne infeudata a Pietro de Beaumont. Si susseguirono al potere le più potenti famiglie del Medioevo: i Monforte (fine del XIII sec.), i Del Balzo, gli Sforza (XV sec.), i Sanseverino (XVI sec.).

Nel 1799 la popolazione aderì agli ideali repubblicani sollevandosi contro il potere dei nobili feudatari ma la ribellione fu repressa nel sangue dalle truppe del Cardinale Ruffo.

Nel 1963 iniziò il movimento franoso che a più riprese fece crollare molte abitazioni. La popolazione mestamente dovette trasferirsi in un altro luogo lasciano Craco completamente abbandonata nel 1975.

 

Indirizzo:

Facilities



Non ci sono al momento strutture segnalate dove mangiare