Castello Dell'Abate O Di Castellabate

Castello Campania, Salerno - Castellabate

Epoca
XII Secolo
Visitabile
Si, su richiesta
Proprietà
Privata

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Prezzi ed orari

Come raggiungere

Autostrada sa/re uscita Battipaglia direzione Agropoli uscita Agropoli sud ospedale seguire indicazioni per Castellabate (130Km da Napoli).

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Ha gloriosa Storia: normanni, bizantini, saraceni, francesi, spagnoli, signorotti e feudatari se lo disputarono nel corso dei secoli non solo per la sua robustezza come fortezza, ma anche per la bellezza della sua posizione naturale. Ma andiamo alle origini.
Il territorio in cui si sviluppo' Castellabate aveva visto prima che sorgesse il castello, la presenza di longobardi e normanni. I longobardi depredarono queste terre, ma dopo la conversione al cristianesimo, operata dai benedettini, furono benefattori della zona.
Essi diedero anche il nome al colle su cui piu' tardi sarebbe sorta Castellabate (colle del Santo Angelo): erano, infatti, devoti di S. Michele Arcangelo. In questi territori ci fu anche la presenza dei monaci basiliani profughi dell'oriente, la cappella di S. Sofia, l'eterna sapienza, ne e' una testimonianza. Il lavoro più significativo fu svolto dai benedettini di Cava dei Tirreni: la loro opera fu talmente meritoria durante la dominazione normanna, soprattutto per le bonifiche della zona, che il principe Guglielmo I concesse loro il privilegio di costruire una fortezza per difendere le popolazioni locali dagli attacchi dei saraceni che, stabilitisi nell'attuale Agropoli, compivano scorrerie nella zona.
Il IV abate di Cava, S. Costabile Gentilcore, inizio' allora la costruzione del castello: era il 10 ottobre 1123. Il paese si sviluppo' intorno ad esso, prendendo cosi' il nome di castello dell'Abate o Castellabate. S. Costabile, eletto in seguito patrono di Castellabate, mori' poco dopo aver iniziato la costruzione della fortezza ma l'opera fu proseguita dal suo successore, il Beato Simeone Abate V di Cava.
Questi, nel 1138, concesse ai sudditi del paese un diploma di privilegi larghissimi: dono' ad essi le case che abitavano e le terre che coltivavano, ridusse a meta' gli aggravi e fece costruire un porto nel 1124 che sviluppo' il commercio. Il castello riusci' di valido presidio alle popolazioni della zona e Castellabate divenne col tempo la più ricca baronia del Cilento.
Nel 1835 un privato acquisto' per soli 1.000 ducati l'antico palazzo baronale ponendo fine cosi' alla presenza dei benedettini nel castello: ora il castello e' di nuovo di loro proprieta'.

 

Indirizzo: Centro Urbano

Facilities