Castello Manservisi

Castello Emilia Romagna, Bologna - Porretta Terme

Epoca
XVI Secolo
Visitabile
Nessuno
Proprietà
Privata

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Il Castello Manservisi si articola su tre piani. Al piano terra ci sono due grandi sale di cui una addobbata con arazzi dell’ 800, di norma destinate ad esposizioni temporanee (fotografia, pittura, ecc) e nel caso capaci di essere attrezzate con tavoli per circa 80 persone.

Al primo piano, con ingresso dal porticato del cortile del castello, si trovano 5 sale normalmente utilizzate per le attività sociali della Associazione. Al secondo piano vi è un grande salone che forma un corpo unico con 3 sale laterali e le due terrazze principali prospicenti il parco.

Questa area è destinata ai grandi appuntamenti, ad attività ludiche o sportive (giochi di ruolo, incontri di scherma o arti marziali) ad eventi fieristici, ad utilizzo per matrimoni, compleanni, balli, location fotografici.

Al terzo piano sarà ospitato un museo della fiaba. La parte degli ex fienili è stata ristrutturata in un unico spazio aperto destinato ad eventi, convegni, feste per i bambini e nel caso si può attrezzare con circa 80 posti tavola.

La capienza possibile del parco e del piazzale supera le 500 persone. La capienza possibile al coperto del Castello è di circa 250 persone, così suddivise: 70 persone nel salone dei banchetti (piano nobile) estendibili a 120 con le sale attigue. Circa 70 posti nelle sale degli arazzi e altri 60 nella sala delle scuderie.

Dal 2010 il Castello Manservisi è di nuovo abitato. Lo ha rianimato un’associazione formata prevalentemente da persone che vivono il borgo tutto l’anno o d’estate. Così questo antico complesso (castello, parco, piazzale, fienili) è di nuovo disponibile d’estate e d’inverno per iniziative culturali, per incontrarsi e può essere richiesto per svolgere eventi (matrimoni, convegni, concerti, teatro, cinema, ecc.).

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

- Da Milano prendendo l’autostrada A1 in direzione Firenze uscire a Sasso Marconi, immettersi sulla ss64 seguire Porretta Terme.

- Da Roma prendendo l’autostrada per Firenze A1, imboccare l’autostrada A11, uscire a Pistoia, immettersi sulla ss64 seguire Porretta Terme. Da Bologna, è raggiungibile tramite la SS 64 Porrettana in direzione Porretta Terme.

- Da Porretta seguire le indicazioni per Castelluccio (6 km)

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Il Castello di Manservisi fu edificato nel corso del nel XVI secolo dai Conti Nanni-Levera. Nel XIX secolo fu ceduto alla Famiglia Manservisi che ne modificò la struttura originale caratterizzata da linee sobrie per trasformarla in una fiabesca dimora. Vennero effettuati interventi di ispirazione neo-gotica con citazione che ci rimandano all’architettura toscana.

L’edificio fu infatti coronato da una merlatura a coda di rondine, furono tamponate antiche finestre architravate per aprirne altre monofore e di bifore. Fu inoltre modificata la volumetria generale dell’edificio, addossando alla facciata ovest la torre di pianta circolare, coronata da beccatelli e da una merlatura ghibellina.

Gli esterni dell’edificio possono essere considerati un compendio dell’artigianato della pietra scolpita a mano, che operò sull’Appennino sul finire del XIX secolo e gli inizi del secolo successivo, ma anche dell’opera di artigiani del ferro battuto a mano, che confezionarono grate, lampioni, mensole, anelli per legare i cavalli.

Pregevoli esempi di artigianato locale non mancano anche all’interno: cassettoni di legno, pareti con rivestimenti lignei, rosoni di ceramica invetriata, stucchi.

Il castello fu donato da Alessandro Manservisi ad un ente che per decenni lo utilizzò come colonia per bambini e bambine che provenivano da varie parti d’Italia, poi l’edificio fu adibito a ristorante.

Oggi la sua gestione è affidata all’Associazione senza fini di lucro Castello Manservisi.

 

Indirizzo: Via Manservisi 3, Castelluccio di Porretta Terme

Facilities

Sposati in questo castello