Rocca D'Olgisio

Castello Emilia Romagna, Piacenza - Pianello Val Tidone

Epoca
XI Secolo
Visitabile
Si, pagamento
Proprietà
Privata

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

La Rocca di Olgisio si trova in una posizione molto suggestiva, arroccata su di un alto sperone tra i torrenti Tidone e Chiarone.
E' sicuramente uno dei monumenti di maggior interesse storico della provincia di Piacenza oltre che motivo di orgoglio per il paese di Pianello V.T.
Quando si è dentro al maniero, sembra di essere fuori dal mondo, in una favola, dove la realtà supera la fantasia.

Incastonato come un diamante sullo spartiacque che divide i torrenti Chiarone e Tidone, fu molto spesso al centro di guerre e contese quindi dimora signorile attraverso profonde ristrutturazioni che però ne hanno lasciato inalterato l’aspetto maestoso.
Appena imboccata la strada di accesso, esso ci appare in tutta la sua maestosità, come in un sogno di quelli in cui ci si perdeva a fantasticare quando eravamo bambini; arroccato sulla rupe come un nido d’aquila.
Quando vi troverete immersi nel profumo di questo luogo e nel silenzio che regna, dove ora solo il rumore prodotto dal vento è sovrano allora forse, . . . non avrete più bisogno di guide..., saranno le pietre a parlare di ciò che è stato, di valori che forse pensavate perduti, di gesta epiche, di cavalieri e dame, di scudieri e damigelle, paggi, giocolieri e menestrelli e, non è escluso che, passeggiando tra queste antiche mura non vi capiti di trovare un segno, un indizio per arrivare a ciò che altri non hanno mai trovato.
La visita alla rocca si trasformerà subito in un eccezionale scoperta per la bellezza ma anche, per la singolarità del luogo, un complesso architettonico in cui si mescolano armoniosamente le caratteristiche della struttura difensiva e della residenza signorile.

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

La Rocca d’Olgisio o d’Olzese (nei documenti anche Rocca Genesina o d’Algese) è uno dei complessi fortificati piu antichi e suggestivi del Piacentino, sia per la posizione dominante i torrenti Tidone e Chiarone, sia per la sua architettura. Secondo alcune leggende, del castello, nel 550 sarebbe stato signore un certo Giovannato, padre delle Sante Liberata e Faustina; fuggite giovanissime da casa portando seco oro e gioielli, le due fanciulle si sarebbero stabilite a Como, dove avrebbero fondato il Monastero di S. Ambrogio.
La prima notizia certa sul castello risale al 1037, anno in cui il fortilizio venne ceduto da Giovanni, canonico della Cattedrale di Piacenza, ai monaci di S. Savino. Questi lo possedettero fino al 1296, quando fu acquistato da Uberto Campremoldo e in seguito da Alberto Della Rocca che comprò il castello dal Campremoldo citato per tenerlo a nome della Chiesa.
Nel luglio de1 1325, Bartolomeo Fontana acquistò la rocca da Pietro Radati per 1100 fiorini. Un anno dopo i Piacentini fuoriusciti, capeggiati da Manfredo Landi, Francesco Volpe Landi e Corradino Malaspina, signore di Bobbio, tentarono di conquistarla grazie al tradimento di due soldati pontifici, addetti alla custodia della rocca stessa. L'azione non fu possibile perchè il piano venne a conoscenza degli ufficiali dell’esercito papale di stanza a Piacenza, i quali si affrettarono ad inviare ad Olgisio un migliaio di soldati comandati da Azzotto Del Balzo. Nell’attacco di sorpresa che seguì, i Ghibellini vennero battuti e costretti alla fuga.
Il 10 novembre 1352 il fortilizio fu alienato a Barnabò Visconti. Cessata la signoria pontificia, nel 1378 Galeazzo Visconti cedette Rocca d’Olgisio “in feudo nobile e perpetuo” al celebre capitano Jacopo Dal Verme, discendente da una nobile famiglia veronese, divenuta poi piacentina e che esercitò il possesso sulla località sopraindicata sino a tutto il 1700, salvo brevi periodi di interruzione.

Nel 1408 Filippo Arcelli la sottrasse ai Dal Verme. Qualche anno piu tardi tuttavia Filippo Maria Visconti rese il maniero ai figli del conte Jacopo Dal Verme, che ne erano i legittimi aspiranti. Nella cronaca dell’Agazzari si narra che nel 1478 la rocca subì gravi danni a causa di un violento incendio. Il conte Pietro Dal Verme, sfuggito miracolosamente alle fiamme, morì sette anni dopo, avvelenato da Ludovico il Moro, il quale sapendolo senza figli, tendeva ad impossessarsi dei suoi beni. Venendo meno l’asse ereditario diretto, diversi castelli vermensi furono avocati alla Camera Ducale; in quello stesso 1485, malgrado le proteste avanzate dai fratelli del defunto conte Pietro, la Rocca d’Olgisio venne concessa a Galeazzo Sanseverino, genero di Ludovico il Moro e uno dei suoi più abili condottieri.
Agli inizi del 500 i Francesi occuparono tutte le città e le fortezze dello stato di Milano, solo i Dal Verme rifiutarono il riconoscimento della sovranità reale sulla rocca, essi si opposero fermamente; ma per il loro rifiuto dovettero sostenere un duro e violento assedio. Attaccato da duemila fanti ed un centinaio di cavalieri al comando di Galeazzo Sanseverino, il castello resse validamente l’urto dei nemici che tentarono più volte l’assalto, protetti dal tiro dei vari pezzi d’artiglieria faticosamente trainati sotto le mura, dopo che trecento scalpellini ebbero aperto la via con il piccone nella dura roccia. L’attacco più violento sembra venisse condotto sul lato Est, sul quale sono ancora visibili le tracce lasciate dal memorabile bombardamento. Alcuni cronisti riferiscono che durante l’assedio, in otto giorni vennero diretti ben 1160 colpi di cannone contro il complesso fortificato, che tuttavia subì solo l’abbattimento di un torrione. Sia per la solidità della rocca, che per l’accanita resistenza dei difensori, sia per la presenza nei magazzini di un quantitativo di derrate sufficienti al presidio per dieci anni, il fortilizio era ritenuto imprendibile; tuttavia esso cadde nelle mani dei suoi nemici per il tradimento di alcuni ufficiali della guarnigione assediata.

Restaurata l’autorita imperiale, i Dal Verme conservarono il fortilizio fino all’estinzione della famiglia, avvenuta alla metà dell’800, quando Lucrezia Dal Verme, sposando Giulio Zileri, diede origine ai conti Zileri Dal Verme di Parma, i quali vendettero l’edificio monumentale circa trent’anni fa. I. Stanga nel volume “Donne e uomini del Settecento Parmense” riferisce invece che, verso il 1800, il tenente Cassi delle guardie parmensi acquistò dal conte Luchino Dal Verme la Rocca d’Olgisio così com’era, ricchissima di mobilio. I suoi eredi, poi, vendettero tutti gli arredi. Il conte Camillo Zileri, 80 anni più tardi, comprò all’asta il castello, ma quasi completamente vuoto. Il versante sud meno aspro strutturalmente (e per questo più vulnerabile del colle) venne munito dall’architetto militare che la costruì di un triplice ordine di spesse mura, all’interno delle quali si addossano numerosi corpi di fabbricato ed un dispositivo di cortine che costituiscono gli ordinamenti difensivi avanzati della rocca stessa. La porta di ingresso della 3a cinta che immette direttamente nel cortile, è sormontata da un arco bugnato, sulla sommità del quale appare un dipinto, ormai stinto, raffigurante un santo. Ai lati dei piedritti del portone si notano due troniere per la difesa radente dell’accesso stesso; sullo stipite interno è scolpito il motto “Arx impavida". Da alcune testimonianze si apprende che, sino all’inizio del secolo scorso, questo ingresso, già dotato di ponte levatoio, era munito di una robusta inferriata fatta in modo particolare, forse a saracinesca come rivelano gli incastri perpendicolari.
La parte interna dell’androne prospetta verso il vasto cortile dove è visibile il pozzo profondo una cinquantina di metri, sul quale sono imperniati molti episodi leggendari. La tradizione vuole che a metà canna esista un’apertura comunicante con una galleria, la cui uscita dovrebbe trovarsi fuori dal recinto fortificato al fine di permettere sortite in case di assedio. Oltre il cortile, sul fronte Ovest, si estendono altri fabbricati fra cui l’oratorio; il tutto è dominato da un imponente dongione a pianta rettangolare. Attorno allo stesso torrione si snoda una loggia adibita forse a posto di scolta per le vedette. Sempre sul lato Ovest, si innalza, invece, la torre della campana che fu notevolmente abbassata ai primi del 1800 per evitare che si suonasse a stormo per radunare i montanari implicati nei moti antinapoleonici. Dal 1979 la rocca è di proprieta della famiglia Bengalli di Pianello Val Tidone. Questa con notevoli sforzi, sacrifici e volontà lavorativa è riuscita a salvare quello che è definito il più bello e il più leggendario fra i castelli della provincia.

Bibliografia

“Rocca d’Olgisio” di Giorgio Eremo

 

Indirizzo: Località Rocca d'Olgisio

Facilities

Sposati in questo castello