Castello Costaguti

Castello Lazio, Viterbo - Viterbo

Epoca
XIV Secolo
Visitabile
Si, su richiesta
Proprietà
Privata

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Prezzi ed orari

Come raggiungere

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Nel 1199 un Rinaldo del Veccio (Cronache viterbesi) combattè per i viterbesi contro i romani; tuttavia il nome Roccalvecce proviene forse dal legume veccio o veccia molto diffuso in queste campagne (Rinaldo del Veccio potrebbe quindi essere il castellano del Veccio o della Rocca del Veccio).
Nel 1210 le Cronache viterbesi ricordano che l'Imperatore Ottone IV occupò il castello della Rocca del Veccio; i viterbesi sconfissero l'imperatore e presero la rocca.
Numerosi signori si susseguirono nel possesso di Roccalvecce: Ildebrando da Paregnano, Corrado ed Ugolino di Uffreduccio che posero, nel 1254, il castello sotto il dominio del Comune di Viterbo, un certo Ponzio che aiutò i Filippeschi a cacciare i Monaldeschi da Bagnorea (Bagnoregio) nel 1303, Andreuccio di Fuccio.
Nel 1455 Papa Callisto III dona Roccalvecce a Guglielmo Gatti di Viterbo (si vedono ancora sulla facciata dell'attuale palazzo due stemmi di questa famiglia); è di quest'epoca la trasformazione della fortezza in castello.
Nel 1496 Giovanni Gatti, Signore di Roccalvecce, viene ucciso con i suoi figli maschi dai viterbesi; le sue tre figlie femmine sposano Baglioni (di Bologna), Chigi e Colonna (di Roma); il castello ed i feudi annessi viene ereditato dai Baglioni e dai Chigi.
Ai primi del '600 i Baglioni vendono feudi e castello al Marchese Prospero Costaguti, patrizio romano e genovese; nel 1685 un sesto del castello, ancora di proprietà Chigi, viene comprato dal Marchese Giovan Battista Costaguti ed è da lui ingrandito; nel frattempo la chiesa parrocchiale è fatta restaurare dal Cardinal Vincenzo Costaguti e donata alla parrocchia.
Nel 1809 il Marchese Luigi Costaguti fa ingrandire il palazzo aggiungendo un secondo piano; nel 1883 suo nipote Ascanio lo ingrandisce ancora, estendendolo fino alla chiesa parrocchiale e costruendovi un terzo piano.
L'ultima ristrutturazione avviene a partire dal 1998 ad opera del Marchese Ferdinando Afan de Rivera Costaguti, nipote di Ascanio Costaguti e degli eredi di suo fratello Francesco.

 

Indirizzo: Frazione Roccalvecce, Piazza Umberto I, 19

Facilities

Sposati in questo castello