Rocca Di Bergamo

Castello Lombardia, Bergamo - Bergamo

Epoca
XIV Secolo
Visitabile
Si, pagamento
Proprietà
Comune

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

l complesso della Rocca, ha sempre avuto una funzione difensiva. Sorge sul colle di Sant’Eufemia in Bergamo alta, luogo di insediamenti celtici e romani.

Il mastio, grazie alla sua altezza, permette una visione panoramica sulla città e sul territorio circostante: i palazzi e monumenti di Bergamo alta, il centro abitato, i colli di San Vigilio e della Maresana, la valle Brembana e il territorio verso Treviglio e Milano.

Il nucleo centrale è costituito da un mastio a pianta quadrangolare  con quattro torri quadrate agli angoli, collegate da camminamenti e con merlatura ghibellina, realizzato tra il 1331 e il 1336, che ha subito numerose modifiche ed operazioni di restauro

A partire dal 1927 è diventato luogo della memoria cittadina relativamente agli eventi politico-militari risorgimentali e dei due conflitti mondiali, con l’esposizione di collezioni storiche otto-novecentesche e la realizzazione di lapidi ed aree commemorative. Dal 7 maggio 2004 nel complesso è visitabile la sezione ottocentesca del Museo storico (1797-1870).

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

Bergamo si raggiunge con l'autostrada A4 (Milano - Venezia). E' consigliabile parcheggiare nella Città Bassa e raggiungere la Città Alta, in gran parte zona pedonale, con i mezzi pubblici. sono a disposizione due funicolari accessibili per i disabili: una che collega la città Bassacon quella Alta, l'altra che collega Bergamo a San Vigilio.La rocca si trova in piazzale Brigata Legnano, 12

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

 La Rocca venne costruita nel 1331, anno della dazione di Bergamo al re di Boemia, 1331. I lavori furono coordinati da Guglielmo di Castelbarco vicario del re, furono proseguti dai Visconti, dopo la parentesi che ha visto la rocca in mano a Giovanni del Lussemburgo, e che si concluse con il ritorno dei Visconti nel 1336. Essi operarono un rafforzamento delle fortificazioni, fino alla integrazione di una nuova opera militare, la Cittadella, La città vecchia era così protetta dalla Rocca a sud-est, la Cittadella a nord-est e la cosiddetta Cittadella Superiore, ora scomparsa, a sud-ovest.

 Nel 1428 ai Visconti subentrò la dominazione veneziana che iniziò la realizzazione di altri lavori di ristrutturazione e rafforzamento, la città fu tutta fortificata, al mastio della Rocca fu aggiunto il torrione circolare che oggi ospita la cosiddetta scuola dei Bombardieri, come caserma degli artiglieri.

 La Rocca fu un'importante difesa militare anche durante la dominazione napoleonica (1797-1814), quella austro-ungarica e durante la liberazione garibaldina. Negli anni 1927/33 la rocca passata nelle mani del Comune di Bergamo, fu restaurata e divenne luogo celebrativo della storia risorgimentale bergamasca. Dal 7 maggio 2004 all’interno del mastio, che fu alloggio dei granatieri veneziani, ospita l’attuale Museo Storico di Bergamo, mentre il piazzale antistante si svolgono manifestazioni celebrative.

 

Bibliografia

- Atti del Museo Storico di Bergamo.
- Atti, Storia del Risorgimento nazionale, documenti ed oggetti presentati dalla commissione nominata dal municipio di Bergamo - Bergamo, Bolis, 1884.
- Bortolo Belotti, Storia di Bergamo e dei bergamaschi - Bergamo, Bolis, 1989.
- Mario Locatelli, La rocca di Bergamo, storia di una fortezza medievale - Bergamo, Bortolotti, 1994.
- Giuseppe Locatelli-Milesi, La rocca di Bergamo nella storia del Risorgimento italiano - Bergamo, Savoldi, 1927.
- Renato Ravanelli, La storia di Bergamo - Bergamo, Grafica & Arte, 1996.
- Graziella Colmuto Zanella, Flavio Conti, a cura, Castra Bergomensia - Bergamo, Monumenta Bergomensia LXXI, 2004.

 

Indirizzo: Colle di Sant'Eufemia, Via della Rocca

Facilities