Castello di Chignolo Po

Castello Lombardia, Pavia - Chignolo Po

Epoca
XIII Secolo
Visitabile
Si, pagamento
Proprietà
Privata

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Il duecentesco Castello di Chignolo Po, immerso nella campagna del pavese, è un edificio a due piani, a cui si accede attraverso un elegante scalone ricurvo in stile settecentesco. Comprende alcune torri merlate laterali di pianta circolare ed anche una grande torre centrale di pianta quadrata.

Il nucleo originario del complesso risale al XIII secolo, anche se tra il XVII e il XVIII secolo fu riedificato e vennero apportate diverse migliorie, tra cui la realizzazione del giardino all'italiana situato all'esterno del castello.

Davanti al fortilizio, verso settentrione, sorge il Borgo (Ricetto), che fu interamente riedificato nel 1600. Esso si connota come un complesso architettonico protetto all'ingresso da un fossato, da due garitte, e da quattro rivellini (torrioni) ai lati estremi.

L'interno del Castello è una sontuosa dimora ricca di affreschi e statue. E' possibile visitare la camera in cui dormì Napoleone Bonaparte o ammirare gli appartamenti di Clemente XI.

 

Condividi


Prezzi ed orari

Tariffe

Biglietto Intero: € 9,00 – adulti.
Biglietto Ridotto: € 5,00 – bambini dai 6 ai 13 anni.

Orari di apertura

Da domenica 5 Marzo 2017 a domenica 26 Novembre 2017 (escluso Agosto).

Domenica e festivi: ogni 30 minuti, dalle 15.00 alle 18.00 (ultima visita).

Nei giorni feriali per gruppi di minimo 15 persone (da prenotare con almeno 48 ore di anticipo).

Informazioni aggiuntive

Le visite sono solamente guidate in quanto il Castello è una dimora privata.

Come raggiungere

Il Castello di Chignolo Po dista circa 10 km dall'uscita autostradale di Casalpusterlengo (autostrada A1, tratto MI-BO) direzione Pavia, oppure circa 11 km dall'uscita autostradale di Castel San Giovanni (autostrada A21, BS-TO).

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Federico

  • 03/08/2011

Io lo conosco il castello dalle cantine alle celle in torre conosco tutte le stanze dalla sala da biliardo alla sala d'armi al salone affrescato al secondo piano lo scalone del cortile interno che accede al piano superiore con un favoloso parapetto in marmo certo io sono il nipote dell'allora amministratore cavaglier Brega Aldo e consorte Losi Rina , mi emoziono sempre quando lo vedo ho passato la mia infanzia cordiali saluti Pierfederico Viani

Storia

La parte più antica del Castello di Chignolo Po, nato come fortezza su di un'altura, è la grande Torre, dalla quale si controllava un lungo tratto del Po (Cuneulus super Padum). Si ritiene che essa fu fatta costruire dal Re Liutprando intorno al 740 d.C., allorchè Pavia era capitale dei Longobardi, con lo scopo di servire da fortezza di difesa e di presidio sul Po e sulla Via di Monte Bordone, successivamente denominata via Francigena - Romea che collegava il Nord Europa con Roma.

Il Castello, in poco tempo, a partire dal XIII secolo, divenne uno dei maggiori Feudi Lombardi, su cui si insediarono dapprima i Pusterla, fino a quando, nel 1340, tale famiglia fu coinvolta in una congiura antiviscontea e ferocemente sterminata.

Vennero in seguito i Federici e i Cusani, i quali aumentarono al massimo la potenza del Castello, ricevendo altresì continui privilegi e concessioni dai Re e dai Duchi di Milano.

Dal 1700 al 1730 esso fu ampliato e trasformato da Fortezza medioevale in una vera e propria Reggia settecentesca, dove soggiornarono Papi, Imperatori, Re, Principi e Arciduchi.

Ad artisti di scuola tiepolesca venne affidata la realizzazione degli stucchi e dei dipinti che impreziosiscono le sale di rappresentanza del Castello.  L'opera fu realizzata per volere e finanziamento del proprietario dell'epoca, il Cardinale Agostino Cusani Visconti (1655 - 1715), che fu Ambasciatore del Papa presso la Repubblica Veneziana ed alla Corte di Luigi XIV a Parigi, nonchè Vescovo di Pavia.

A seguito di tale grandiosa opera, il Castello di Chignolo Po venne denominato e conosciuto nel mondo come "la Versailles della Lombardia".

 

Indirizzo: Via Stazione

Facilities

Sposati in questo castello