Castello Visconteo Di Fagnano Olona

Castello Lombardia, Varese - Fagnano Olona

Epoca
XIII Secolo
Visitabile
Si, gratuito
Proprietà
Comune

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Il castello visconteo di Fagnano Olona è immerso nello splendido paesaggio della valle dell'Olona. Dalla alto della sua torre è possibile godere la magnifica vista del Monte Rosa. La fortezza infatti sin dalle origini sfrutta l'importanza della sua posizione strategica essendo situato in un luogo di transito e di commercio e lambisce il corso del fiume Olona come molte alrtre fortificazioni del territorio.

L’antica funzione militare del castello è testimoniata dall'esistenza di un fossato di difesa, ormai completamente prosciugato che permette l'accesso al maniero attraverso un ponte. Originariamente la pianta del fortilizio era quadrilatera, con quattro corpi di fabbrica attorno al cortile dotati di merlatura ghibellina e due torri angolari.

Successivamente, nel cinquecento, si eseguirono delle opere di ampliamento attribuite a Gaspare Visconti, così da raddoppiare la superficie del castello verso sud, con i corpi ed il secondo cortile rivolti verso il paese.

L'ingresso nel cortile è costituito da un portale barocco. Ai lati vi sono due corpi di fabbrica tardocinquecenteschi, voluti da Gaspare Visconti. A sinistra della facciata si nota un rilievo in pietra del XV secolo che rappresenta la "Madonna che Allatta".

Il primo cortile è di epoca barocca, mentre il secondo quattrocentesco. Qui si trova lo stemma visconteo, caratterizzato dal biscione. Le due torri originarie del castello si trovano nella parte quattrocentesca del complesso.

All'interno del Castello è situata la sede della Pro Loco cittadina, e la struttura fortificata ospita manifestazioni e mostre organizzate dalla Pro Loco e dalle numerose Associazioni fagnanesi.

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

Fagnano Olona è facilmente raggiungibile percorrendo l'autostrada A8 Milano - Laghi (direzione Varese) con uscita al casello di Busto Arsizio.

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Pare che il maniero fosse già esistito come luogo fortificato in epoca romana. Durante il Medioevo appartenne ai signori del Seprio, i quali combatterono col Barbarossa in occasione della "Battaglia di Legnano", nel 1176 contro i Comuni e la Lega Lombarda, uscendone sconfitti

Nel 1257 l’Arcivescovo milanese Leone da Perego abbandonata la città, si rifugiò nel Seprio, mentre da Milano partì Martino della Torre, Capitano del popolo, che giunto con le sue milizie a Fagnano assediò il castello che gli resistette e non fu conquistato.

Fu allora che le forze viscontee assediarono la fortezza di Castelseprio in quel periodo tenuta da Guido da Castiglione, seguace dei Torrioni e abbandonata poi l’impresa si stabilirono a Fagnano. Si sa per certo in quel periodo il castello divenne proprietà dei Visconti di Milano.

Quando il Seprio passò definitivamente in mano ai Visconti, il castello di Fagnano fu tenuto da quel ramo familiare che si chiamò proprio dei Visconti di Fagnano.

Il feudo fagnanese venne a dividersi in due parti distinte, una fu affidata al ramo di Giovanni Visconti di Gasparo grazie al quale si formarono i Signori di Fagnano ramo che si estinse nel 1514, l’altra parte del feudo venne affidata ai discendente di Azzo Visconti, fratello di Giovanni e che formarono il ramo dei Visconti di Ierago. Mentre ai primi spettò il castello, i secondi abitarono nel cosiddetto “Castellazzo” e la parte feudale da loro detenuta si nominerà “Comune di Azzo Visconti”.

Il castello di Fagnano nel 1451 venne affidato da Francesco Sforza a Filippo Maria Visconti conte di Albizzate, e figlio del milite Gaspare e di Agnese Besozzi.

Si ricorda e ne sono testimonianza i diari di Cicco Simonetta segretario ducale un soggiorno di Galeazzo Maria Sforza al castello di Fagnano durante una battuta di caccia nel 1474.

Nel 1500 il castello era ancora in piena efficienza e partecipe delle lotte che interessarono il gallaratese tra ducali, spagnoli e truppe francesi.

L’Imperatore Carlo V nel 1551 concesse il titolo di Conte di Fagnano a Vitaliano Visconti Borromeo.

A Gaspare Visconti, che succederà a Carlo Borromeo nel 1585 come Arcivescovo di Milano, sono attribuiti i lavori di ristrutturazione del castello già rovinato nei decenni precedenti in cui era stato coinvolto in varie battaglie. L’Arcivescovo Gaspare Visconti trascorreva nel castello i periodi estivi e qui si rifugiò durante l’epidemia del 1587-88.

Nel 1674 il feudo fagnanese era tenuto congiuntamente dai Visconti di Fontaneto e dai Visconti Borromeo.

L'avvenimento storico più importante che avrebbe caratterizzato la vita di questo castello sarebbe l'aver ospitato, nel settembre del 1494, le nozze fra l'imperatore d'Austria Massimiliano d'Asburgo e Bianca Maria Sforza, nipote di Ludovico il Moro. Un matrimonio cui seguì l'investitura concessa dall'imperatore a Ludovico il Moro come Duca di Milano. Ed è proprio a queste ipotetiche nozze che è dedicata la rievocazione storica che si tiene a Fagnano Olona a settembre.

Oggi il castello, che negli ultimi anni è stato oggetto di notevoli opere di restauro, è sede del municipio e ospita gli uffici comunali.

 

Bibliografia

Marco Invernizzi e Andrea Morigi ,“I comuni della provincia di Varese”, Edizioni Del Drago, Milano, 1992
Corbella, Castelli e Rocche Varesotto, Lago Maggiore e Alto Milanese, Varese, Macchione Editore, 2002, pp. 10-13; 113-114
C. G. BASCAPE', Dimore monumentali del territorio di Varese, Milano, Bramante, 1962
O. PISCITELLI, Bernardino Castelli intagliatore varesino del Seicento, "Archivio storico della diocesi di Como", 1981
M. Tamborini, Castelli e fortificazioni nel territorio varesino, Varese, ASK Edizioni, 1981, pp. 13-18
P. FRIGERIO, Castelli del territorio varesino: segni del potere: presidi, dimore, fortificazioni, Varese, Macchione, 2000
R. Corbella, Castelli e Rocche Varesotto, Lago Maggiore e Alto Milanese, Varese, Macchione Editore, 2002

 

Indirizzo: PIazza Cavour

Facilities