Castello Di Moncrivello

Castello Piemonte, Vercelli - Moncrivello

Epoca
XI Secolo
Visitabile
Si, su richiesta
Proprietà
Privata

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Il castello dei Marchesi del Carretto è una fortificazione medievale situato in una sua posizione strategica. Esso è stato col tempo trasformato e conserva ancora tutta le raffinatezza di una residenza nobiliare.

La sua scala elicoidale quattrocentesca conduce a visitare le sue sale ricche di eleganti arredamenti, di cornici in cotto con soffitti in cassettoni.

Si possono ammirare anche all'esterno i giardini e i muri di cinta ornati da merli a coda di rondine, che sono lo scenario più adatto per eventi culturali di vario tipo, oltre che per cerimonie e meeting.

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

Da Torino, autostrada A4 TO-MI uscita Borgo D’ale, 40 Km da Torino
Da Milano, autostrada A4 TO-MI uscita Borgo D’ale, 90 Km da Milano

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

La storia del castello affonda le sue origini sino all'anno mille e fanno parte delle sue memorie gli aspri scontri medievali tra Guelfi e Ghibellini.

Federico Barbarossa lo affidò al controllo dell’Episcopato di Vercelli nel 1152. Fu poi conteso dai marchesi del Monferrato, che se ne inpossesarono nel 1243. Ritornato nelle mani della chiesa Vercellese nel 1300, divenne feudo dei Fieschi, familiari dei Vescovi in seguito all’investitura papale di Bonifacio IX nel 1394.

All'inizio del '400 ci fu una rivolta nel borgo di Moncrivello che costrinse l'allontanamento dei Fieschi ed il feudo passò sotto la signoria di Amedeo VIII dei Savoia.

Si deve all’ illustre duchessa Jolanda, sorella del re di Francia, la trasformazione dell’antica roccaforte di architettura romanica in residenza signorile, con l'arricchimento di decorazioni e arredi rinascimentali.

I duchi di Savoia ne facero dono alle consorti che ne divennero proprietarie. Come già Jolanda di Valois, ricordiamo anche Bianca di Monferrato e Beatrice di Portogallo, cognata dell’imperatore Carlo V di Spagna.

Con la seconda metà del ‘500 terminò l’epoca di maggior splendore del castello, in coincidenza con i secoli di guerra tra Francesi e Spagnoli.

Divenne in seguito marchesato e fu ceduto in feudo, da Emanuele Filiberto al valoroso condottiero Cesare de Mayo nel 1565, quindi passò come proprietà ad illustri dinastie nobiliari, tra cui i Lignana, il marchese di Pianezza, il marchese Guido Villa, i Roero.

Un episodio memorabile fu nel 1650 la battaglia con cui venne respinto l’attacco degli Spagnoli, grazie alla sua robusta architettura fortificata, e fu evitato così il saccheggio di Moncrivello.

Dal Settecento al Novecento fu proprietà dei marchesi del Carretto, illustre famiglia di origine aleramica, e poi subì un incendio all’ inizio dell’ Ottocento che lo danneggiò notevolmente. Subentrò a questo evento un periodo di abbandono.

Dal 1972 iniziò iniziò il restauro da parte del Cav. Giovanni De Francisco che ha permesso di aprire il castello alle visite, a eventi culturali e cerimonie.

 

Indirizzo: Via Duchessa Jolanda 8

Facilities

Sposati in questo castello