Castello Di Motta Sant'Anastasia

Castello Sicilia, Catania - Motta Sant'anastasia

Epoca
XI Secolo
Visitabile
Si, gratuito
Proprietà
Comune

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Il Castello di Motta Sant'Anastasia è il più piccolo dei tre dongioni edificati lungo la Valle del Simeto. In pianta misura 8,50 x17 metri, in altezza raggiunge i 20 metri. Il torrione è impostato su una balza rocciosa lavica, Le murature sono realizzate in opus incertum di pietrame lavico mentre i cantonali sono realizzati in conci ben squadrati dello stesso materiale. L'edificio si divide in tre piani per mezzo di solai lignei, dei quali nessuno ha resistito ai guasti del tempo. I solai attualmente visibili sono infatti il risultato di ricostruzioni in stile. 

Al pianterreno è la porta d'ingresso di non grandi dimensioni. Ai lati sono finestre rettangolari verosimilmente aperte in età moderna. Le scale, necessarie per raggiungere ciascun piano, dovevano essere addossate ai muri e non ricavate nel loro spessore, decisamente contenuto (non oltre 1,60 metri). L'ultimo piano presenta una splendida copertura ogivale, che poggia su un'arcata mediana, a sua volta impostata su mensole. Il terrazzo possiede una merlatura composta da sette merli per i lati lunghi e due per quelli corti.

Intorno alla fortezza esistono ancora avanzi di una cinta muraria, all'interno della quale dovevano trovarsi altri edifici, i cui ruderi erano in parte visibili agli inizi del XX secolo. Probabilmente alla torre di Motta era attribuito un valore soprattutto militare-difensivo mentre la funzionalità residenziale sembrerebbe del tutto secondaria, in particolare a confronto con i non lontani donjons di Adrano e di Paterno'.

Sabato 15 maggio 2010 è stato inaugurato il Museo Storico (secoli XII – XVI), allestito all’interno del dongione normanno, realizzato con fondi regionali e comunali, consistente in una apparecchiatura multimediale (grande schermo dove scorrono le immagini di un video in più lingue sulla storia di Motta) a piano terra, ed in una Aula Hostilium, ossia Sala delle armi, nella prima elevazione.

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

Da Palermo: autostrada A19 (Palermo-Catania) uscita Motta Sant'Anastasia.

Da Catania: SS121, superstrada per Adrano, uscita Motta Sant'Anastasia.

Da Messina: autostrada A18 (Messina-Catania) proseguire lungo la tangenziale verso Misterbianco, uscita Misterbianco e strada statale 121 come sopra.

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Il Dongione di Motta fu costruito fra il 1070 ed il 1074 (pare sul rudere di una torre araba) per volontà del gran conte Ruggero il Normanno. Il massiccio torrione a pianta rettangolare rappresenta una tipica struttura a carattere difensivo del tardo medioevo.

Il piano terra era destinato ad alloggio militare. In esso sono visibili una serie di feritoie per la difesa. Sempre al piano terra fu ricavata la cisterna per la raccolta delle acque piovane e dove, come scrive l'umanista Lorenzo Valla, fu rinchiuso il conte di Modica, Bernardo di Cabrera.

Il primo piano era destinato all'alloggio del comandante della guarnigione. Il secondo piano è caratterizzato da un arco a sesto acuto. Le tre elevazioni erano collegate tra loro da una serie di scale a pioli retrattili di legno.

Già nel 1091, il castello venne concesso alla istituenda diocesi di Catania che ne detenne il possesso fino alla fine del XIII sec. Nel XIV secolo, per diciannove anni (dal 1355 al 1374), fu dimora del conte di Aidone, Enrico il Rosso.

Dopo essere stato di proprietà di Rinaldo Perollo, nel 1408 il castello fu acquistato da Sancho Ruiz de Lihorj per poi passare nelle mani del re Alfonso D'Aragona. Nel 1514 il territorio di Motta fu acquistato da Aloisio Sanchez. Successivamente, nel 1526, Antonio Moncada, conte di Adernò, per 1210 once acquistò la terra di Motta ed il castello che rimasero di proprietà dei suoi discendenti fino al 1900, anno in cui venne acquistato dal comune di Motta.

Bibliografia

Amico V., Dizionario topografico della Sicilia, 2 voll., I, p. 177, Palermo, 1855-56;

Bellafiore B., Architettura in Sicilia nelle età islamica e normanna (827-1194), pag. 49, Palermo, 1990;

Bellafiore B., L\'architettura dell\'età sveva in Sicilia, 1194-1266, pag. 49, Palermo, 1993;

Blanco P., Il castello di Motta S. Anastasia, in "Quaderni dell\'Istituto di Disegno dell\'Università di Catania", 1, pp. 143-152, 1965;

Maurici F., Castelli medievali in Sicilia. Dai bizantini ai normanni, p. 184 e 365, Palermo, 1992;

Santoro S., Il castello dei Ventimiglia, in " Il Mediterraneo", 7-8, pp. 33-34,Palermo, 1977;

Santoro S., La Sicilia dei castelli, p. 28, Palermo, 1986.

 

Indirizzo: Centro Sorico, Piazza Castello

Facilities