Castello Di Brolo

Castello Sicilia, Messina - Brolo

Epoca
XII Secolo
Visitabile
Si, pagamento
Proprietà
Privata

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Brolo, la città che nelle antiche mappe dei geografi arabi era indicata come Marsā Dālīah, il “porto della vite” (perché qui le navi caricavano il vino), domina ancora oggi, con il suo caratteristico borgo medievale, la splendida costa saracena, quella fascia di costa tirrenica che spazia da Capo d’Orlando a Capo Calavà, un tempo terra di razzie da parte delle galere di Kair-ed-din, il famoso pirata Barbarossa.

Fulcro di quella che sembra una piccola kasba tunisina è il castello medievale di Brolo con la sua magnifica torre. Come compare in un privilegio di Ruggero I del 1094, il primo nucleo del borgo con la sua torre era conosciuto in epoca normanna con il termine arabo di Voab, cioè “rocca marina”.

La torre era un presidio posto a tutela delle sottostanti attività portuali nonché punto privilegiato per la difesa dalle incursioni dei mori, mentre il borgo aveva un’importante funzione nevralgica per l’economia dell’entroterra nebroideo, con il suo porto che doveva avere un ruolo di grande importanza nel quadro delle rotte commerciali marittime, anche alla luce della strategica vicinanza delle dirimpettaie isole Eolie. Nel 1682 il porto è insabbiato e distrutto dalle piene dei torrenti che, come già nel 1593, danneggiarono il borgo.

Così quella che un tempo era una fortezza che sorgeva su una cresta rocciosa a dirupo sul mare, oggi appare un maniero ben discostato dalla battigia a causa della formazione di una pianura alluvionale. Secondo Martino de Spucches, la costruzione del castello risale ai primi del ‘400 ad opera di Pietro o Corrado Lancia, la cui famiglia venne in Sicilia dal Piemonte durante il periodo svevo.

L’accesso alla cittadella è consentito da due porte, quella denominata “fausa”, alle spalle del castello, e l’ingresso principale con l’arco in arenaria sormontato da un altorilievo marmoreo che reca una sequenza di quattro scudi con gli stemmi dei Luna, dei Lancia, della baronia di Piraino e degli Alagona. E proprio su questa porta della cinta muraria trova fondamento la scritta “Imperium Rexit Blanca – Hoc e Stipite Natus Manfredus Siculus Regia Sceptra Tulit”, mentre sulla seconda c’è, a ricordo di Corrado III che nel 1404 veniva dichiarato “maior ac principalior de domo Lancia”, il marmoreo bianco scudo con la scritta “Principalior Omnium”.

Del complesso castrale resta la cortina muraria, inglobata talvolta in strutture murarie successive, i due portali ed una corte sistemata a giardino con un elegante pozzo esagonale, il tutto sormontato dalla mole del mastio. Basata su una poderosa scarpa, la torre è caratterizzata da un torrino cilindrico addossato alla parete settentrionale, all’interno del quale vi è una scala a chiocciola che permette di collegare i vari piani.

La torre si eleva per quattro livelli culminando in una terrazza merlata. I primi tre piani sono caratterizzati da ambienti unici, con il pian terreno ed il primo piano aventi una volta a botte.
Al secondo piano vi è una bellissima sala di rappresentanza, e presenta, contrariamente alle altre, una volta a crociera che si chiude con lo stemma dei Lancia di Brolo. Questo è l’unico piano a possedere aperture su ogni lato, oltre ad avere, sul lato esposto a est, una porta che immette su un monumentale balcone panoramico. Da qui si ammira infatti la costa saracena in direzione Messina, notando la decadente Torre delle Ciavole ed in lontananza Capo Calavà.

Il famoso balcone è anche legato ad antiche leggende, come quella di Maria La Bella, probabilmente Maria Lancia, figlia di Francesco I e di Francesca Settimo. Si narra che una bellissima principessa si affacciava dal balcone del castello per aspettare l’amante sopraggiungere dal mare. Lo spasimante, una volta raggiunta la torre, si aggrappava alle lunghe trecce della sua amata per raggiungerla in segreto. Di ciò si avvide un giorno il fratello della principessa, il quale, geloso, tese un agguato al giovane innamorato.

Così una notte il principe lo aspettò sullo scoglio antistante il castello, che forse per questo è detto del pianto, “ploratu”, gli sopravvenne ferendolo a morte, e lo gettò a mare chiuso in un sacco. La bella Maria aspettò invano il ritorno del suo amato, disfacendosi sino a morire. Spirito innamorato, la principessa appare ancora nella notte augurando ai pescatori “Juta e vinuta! Bona piscata”, mentre in caso di burrasca li richiama invocando ”Isati li riti! Viniti! Turnati!”.

Il castello di Brolo, oggi della Famiglia Germanà, la quale ha curato il restauro delle parti fatiscenti e dei danni subiti a causa della seconda guerra mondiale, ospita al suo interno il Museo delle Fortificazioni Costiere della Sicilia ed il Museo Storico della Pena e delle Torture, rappresentando, con la sua storia intrisa di leggende, cortigiane e pirati, uno degli angoli più suggestivi ed interessanti della nostra amata isola.

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

Autostrada Messina-Palermo, uscita Brolo - Capo d' Orlando Est, seguire le indicanzioni per il castello

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Il Castello fu voluto dai Lancia di Brolo, venuti in Sicilia dal Piemonte ai tempi degli Svevi e discendenti da Galeotto e Cubitosa d'Aquino, nipote dell'imperatore Federico II e sorella del filosofo San Tommaso d'Aquino.

L'attenzione di chi arriva al Castello è subito presa dai merli ghibellini che con il loro profilo a coda di rondine coronano l'alto e maestoso torrione. E' la torre conosciuta già nel 1094 dai geografi arabi come "Voab", dalla quale si raggiunge il terrazzo, punto di vedetta privilegiato sulle incursioni dei mori e oggi bella balconata sulle isole Eolie.

Il Castello risente delle successive trasformazioni e appare oggi come una struttura feudale ricostruita nei primi del Quattrocento e poi fortemente rimaneggiata nel Seicento, quando l'uso delle armi da fuoco necessitava della costruzione anche della "scarpa" fortificata.

 

Indirizzo: Centro urbano, dalla Via Don Santo alla Piazza Castello

Facilities

Sposati in questo castello