Castello Di Librizzi

Castello Sicilia, Messina - Librizzi

Epoca
XIV Secolo
Visitabile
Nessuno
Proprietà

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Attestazione documentaria; sito identificato in assenza di resti visibili. 
Il fortilizio probabilmente occupava l'area su cui oggi insistono la chiesa madre e due edifici scolastici.

Condividi

Prezzi ed orari

Come raggiungere

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

1131 - 1140 - "...in Librizzi erano 59 greci che dovevano 256 tarì..." (Peri 1953 - 56, p. 44).

1271 - "Jean e Simon de Monfort ottennero i castelli di Carini e Librizzi...si inserirono, anche nel territorio nebrodino, grazie al controllo del castello di Librizzi" (Catalioto 1995, pp. 95, 110).

1356 - re Federico IV ordinò di sospendere l'erezione di un fortilitium da parte dell'università di Patti e la costruzione di steccati attorno al casale di Librizzi perché non v'era timore di nemici e occorreva la regia licenza.

1356 - Patti, Librizzi, Zuppardini e Sant'Angelo di Brolo costituiscono la capitanìa a guerra di Giovanni di Patti e, subito dopo, di Vinciguerra Aragona.

1371 - "in terra seu casale di Librizzi prelibatus Vinchiguerra quoddem fortilicium seu turrim ad hostium confusionem et stragem aptam et utilem etiam construxit" (Barberi II, p. 131).

1372 - Sotto il vescovado di Umbertino I, Vinciguerra d'Aragona, continuando ad impossessarsi dei beni della mensa vescovile, occupò una torre di antico diritto della chiesa nel territorio di Librizzi.

1392 - Giovanni III d'Aragonam erede del padre Vinciguerra d'Aragona, fonda dove sorgeva la torre la terra di Librizzi (terram delli Brizzi); secondo Vito Amico, invece, la fortificazione dell'antico casale è da attribuirsi a Bartolomeo, figlio di Vinciguerra d'Aragona: "Sorgendo in quel luogo una torre, di diritto vescovile, ed assegnata la città in clientela di Vinciguerra Aragona, avendo questi il tutto usurpato, edificò il di lui figliuolo Bartolomeo il paese intorno la fortezza, che le la di lui fellonia diede in dono il re Martino ad Eleonora Centelles".

Bibliografia

Castelli medievali di Sicilia, guida agli itinerari castellani dell\'isola; Regione Siciliana Centro Regionale per l\'Inventario la Catalogazione e la Documentazione dei Beni Culturali ed Ambientali.

 

Indirizzo: Via Matrice

Facilities