Castello Di Sant'Angelo Di Brolo

Castello Sicilia, Messina - Sant'angelo Di Brolo

Epoca
XV Secolo
Visitabile
Nessuno
Proprietà

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

 Del castello si ha solo attestazione documentaria.
Supponendo che il castello, o piuttosto la torre, potesse sorgere presso l’antico monastero, di quest’ultimo, già abbondantemente trasformato intorno al XVI secolo, non esiste più nulla in quanto distrutto da ripetuti eventi sismici; nell’area del chiostro cinquecentesco è stato impiantato un cimitero.
E’ possibile invece che il sito di fondovalle, fortificato con una torre, posto a settentrione di quello che fu il monastero, sia un presidio connesso alla gestione delle pertinenze latifondistiche del monastero.

Condividi

Prezzi ed orari

Come raggiungere

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Nel IX-XI secolo alla dominazione islamica sopravvive il monastero di San Michele Arcangelo – Peri 1953 – 56, p. 82.

Nella metà dell’XI secolo si ipotizza la probabile fondazione del centro dopo la distruzione dei due villaggi saraceni di Ansa e Lisicò – Fazello 1817, I, p. 563.

Nel 1084 viene ricostruito un monastero di Ruggero gran conte in territorio di Lisicò – Filangeri 1979, p. 32.

Nel 1093 Ruggero definisce la giurisdizione del nuovo monastero – ibidem.

Nel 1133 il cenobio è aggregato all’archimandrato di Messina – ibidem.

Nel 1150 ca. potrebbe riferirsi a Sant’Angelo di Brolo la località Marsa Daliah di cui parla Idrisi – Amari 1880 – 81, I, p. 128.

Nel 1356 insieme a Patti, Librizzi e Zuppardini, Sant’Angelo di Brolo è sottoposto alla capitania di Giovanni di Patti – Bresc 1986, p. 801.

Nel 1365 la capitania di questa ed altre località viene assegnata a vita a Vinciguerra Aragona – ibidem.

Nel 1434 (5 marzo) la località è detta terra et turris: la castellania sono concesse a Perruccio Mohac alias Lanza – ACA, Cancilleria, reg. 2820, c. 110r (ex inf. Ferdinando Maurici).

Nel 1444 l’antico monastero viene commendato all’abate Bessarione che, così, avrà diritto di voto nel parlamento siciliano – Filangeri 1979, p. 32.

Nel 1447 in seguito all’imposizione di una nuova gabella detta “maldenaro” o “rossettino” da parte dell’abate Adriano, gli uomini di Sant’Angelo vengono dispensati dal servizio di guardia alla torre – ACA, Cancilleria, reg. 2860, c. 3v (ex inf. Ferdinando Maurici).

Nel 1450 l’abbazia di San Michele Arcangelo viene distrutta da un terremoto – Filangeri 1979, p. 32.

Nel 1750 ca. si sostiene che il centro sia nato dai casali di Lisican, Anzan e Tondonconon, presso il convento dei Parlotti, riferendo dell’esistenza di una torre antichissima – Amico 1855 – 56, I, pp. 94 – 97.

Bibliografia

Castelli medievali di Sicilia, guida agli itinerari castellani dell’isola; Regione Siciliana Centro Regionale per l’Inventario la Catalogazione e la Documentazione dei Beni Culturali e Ambientali.

 

Indirizzo:

Facilities