Castello Di Isnello

Castello Sicilia, Palermo - Isnello

Epoca
XIII Secolo
Visitabile
Si, gratuito
Proprietà
Privata

Il Castello è chiuso per pericolo crolli

Descrizione

La costruzione insiste sulla cresta di roccia che, da quota 650 m s.l.m., domina il corso di due torrenti che confluiscono nel Castelbuono-Malpertugio. La cresta delimita una profonda gola rocciosa, paesaggisticamente molto suggestiva, dalla quale si elevano ripidi scoscendimenti che contraffortano la vetta di monte Dipilo (1385 m.). Da settentrione la cresta isola il castello, mentre l’abitato si sviluppa tra i pendii del suo versante meridionale.

Le parti più cospicue dei muri residui sembrano appartenere a due costruzioni, forse anche torri, a pianta rettangolare irregolare, che scandiscono muri allineati secondo l’andamento prevalente e che terrazzano il sito molto scosceso. Tutto il castello era forse un esteso luogo di arroccamento recintato, quasi una acropoli, per un abitato sito fra le pendici lungo e di cui rimangono (o rimanevano) i resti di una piccola chiesa con absidi dipinte.

 

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

Dall'autostrada A20 prendere l'uscita Pollina/Castelbuono in direzione Pollina/Castelbuono; immettersi sulla SS286 e proseguire per 11 km; prendere la SP9, percorrerla per 10 km ed inserirsi sulla SP54bis fino alla destinazione.

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Isnello è menzionato per la prima volta come casale, in occasione della sua inclusione nelle pertinenze della diocesi di Troina nel 1082. Come molti altri edifici del palermitano, dopo neppure un secolo, nel 1131, il casale di Rocca Asini è probabilmente una pertinenza della diocesi di Cefalù, in quanto rientrava nel territorio di una località più vicina. Del 1150 ca. è la testimonianza di Idrisi che ricorda al-Himar o Rocca Asini (da al-Himar, in arabo “l’asino”) come: casale sulla vetta di un monte”. La prima citazione in qualità di castellum e castrum è tuttavia nel 1250; il 2 gennaio 1271 Simon de Montfort, cugino di Carlo d’Angiò, è investito anche della terra di Isnello. Nello stesso anno, nella distribuzione dei possedimenti in Sicilia ultra, il castrum Asinelli, sottratt a Nicolò di Geraci, viene concesso a Guillaume de Melun [o Medulionis, o Meledunis] già consigliere di Carlo d’Angiò. Nel 1377 Francesco Ventimiglia, conte di Geraci e Collesano, acquista terra, castello e titolo dal barone Niccolò Abate. Il bene viene tuttavia sequestrato ai Ventimiglia se il 27 novembre 1398 re Martino concede la terra de Isnello cum eius castro al catalano Arnaldo Santacolomba [anche detto Columat, o Incolmat]. Nel 1558 è riportato tra i paesi dell’entroterra come centro fortificato.

 

Bibliografia

V. Amico, Dizionario topografico della Sicilia, tradotto e annotato da Gioacchino Di Marzo, 2 voll., Palermo 1855-56.

L. Catalioto, Terre, baroni e città in Sicilia nell’età di Carlo d’Angiò, Messina 1995.

V. D’Alessandro, Politica e società nella Sicilia aragonese, Palermo 1963.

T. Fazello, De Rebus Siculis decade duae, Palermo 1558; trad. it con titolo Storia di Sicilia a c. di A. De Rosalia, Palermo 1990.

A. I. Lima, Isnello, Palermo 1979.

F. Maurici, Federico II e la Sicilia. I castelli dell’imperatore, Catania 1997.

A. Mongitore, Bullae, privilegia et instrumenta Panormitanae Metropolitanae Ecclesiae Siciliae Primariae, Palermo 1734.

I. Peri, Città e campagna in Sicilia, I, Dominazione normanna, “Atti dell’Accademia di Scienze Lettere ed Arti di Palermo”, s. IV, XIII, parte II, 2 voll., Palermo 1953-56.

F. San Martino de Spucches, La storia dei feudi e dei titoli nobiliari di Sicilia dalle loro origini ai nostri giorni, 10 voll., Palermo 1924-1941.

D. Virga, Il castello di Isnello, in "Bollettino del Rotary Club Palermo Est-Termini Imerese", mar.apr. 1966.

L. T. White jr., Il monachesimo latino nella Sicilia normanna, trad. it. di White 1938, Catania 1984.

Castelli medievali di Sicilia, guida agli itinerari castellani dell’isola; Regione Siciliana Centro Regionale per l’Inventario la Catalogazione e la Documentazione dei Beni Culturali e Ambientali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Indirizzo: Centro urbano, contrada Terra Vecchia

Facilities