Castello Eurialo

Castello Sicilia, Siracusa - Siracusa

Epoca
IV Secolo a.C.
Visitabile
Si, pagamento
Proprietà
Comune

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

Il Castello Eurialo (dal greco " eurvelos", chiodo dalla larga base), è la più grande e completa opera militare che sia rimasta del periodo greco. Esso ha una superficie di circa 15.000 mq., munito di larghi fossati, torri d'avvistamento, un ponte levatoio e trincee sotterranee, che rendevano la città di Siracusa inespugnabile.

Fu fatto costruire, a difesa della città, da Dionisio il Vecchio in sei anni, fra il 402 ed il 397 a.c., periodo in cui Siracusa fu in lotta con i Cartaginesi. Per rafforzare la difesa della città, oltre a costruire nuove navi ed ampliare gli arsenali, Dionisio decise di fortificare l'Epipoli (città alta ) che, durante l'assedio Ateniese di qualche anno prima, aveva rappresentato il punto debole del sistema difensivo. Ai lavori parteciparono 60.000 uomini, che costruirono in 20 giorni un muro lungo 5.000 metri, a difesa della parte Nord dell'Epipoli; il resto venne poi edificato nei successivi 6 anni.
L'entrata di questo castello è protetta da 3 fossati. Il primo, oggi interrato, è lungo 6 m. e profondo 4 m.; il secondo, a 86 m. dal primo, è lungo circa 50 m., largo 22 m. e profondo 7 m.; il terzo fossato è largo 17 m., profondo 9 m. e lungo 80 m.. Quest'ultimo fossato era il più importante, in quanto collegava tutto l'apparato di difesa della fortezza. A Nord è sbarrato da un muro, a Sud vi sono 3 grandi pilastri che sostenevano il ponte levatoio. Le 5 torri che notiamo dopo il terzo fossato servivano per ospitare le baliste, che, situate più in alto di quelle dei nemici, potevano colpire senza essere da queste danneggiate. Dietro queste torri si apre un gande cortile, che ha ospitato, in periodo bizantino, le caserme dei soldati; al centro del cortile vi erano le cisterne.
Dall'altro lato del castello, il sistema difensivo era costituito da due muri posti davanti alle porte di accesso, che impedivano gli attacchi in massa del nemico. Tutta questa struttura a forma di imbuto permetteva una più facile difesa.

All'interno del castello, tutto un susseguirsi di gallerie dava la possibilità di spostare le truppe da un punto all'altro della fortezza senza essere visti, al fine di accerchiare facilmente il nemico. 

 

Indirizzo: Viale Epipoli, località Belvedere

Facilities