Castello Di Introd

Castello Valle d'Aosta, Aosta - Introd

Epoca
XII Secolo
Visitabile
Si, su richiesta
Proprietà
Comune

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Il castello primitivo risale probabilmente al XII secolo; come il castello di Graines, all'origine consisteva in un mastio quadrato circondato da una cinta di mura.
Verso il 1260 Pierre Sarriod d'Introd ampliò il castello primitivo che, in seguito alle modificazioni del XV secolo, assumerà la forma poligonale quasi arrotondata che lo distingue tuttora dagli altri castelli valdostani. Queste trasformazioni segnano l'apogeo del casato Sarriod, nelle cui mani erano state riunite le signorie di Introd e di La Tour (Saint-Pierre).

Il castello subì due rovinosi incendi nella seconda metà dell'800 e venne poi restaurato all'inizio del '900 dal cavalier Gonella che si avvalse dell'opera dall'architetto Chevalley.

Sulla spianata di fronte al castello si è conservata una magnifica struttura, uno dei rari esempi pervenutici di costruzioni interamente in legno tipiche dell'architettura del basso Medioevo valdostano: è il granaio quattrocentesco, dove si immagazzinavano il grano e le sementi. Le due porte sono dotate di serrature in ferro battuto, entrambe databili all'epoca della costruzione; una, di particolare bellezza, rappresenta un castello.

Di proprietà dei Conti Caracciolo di Brienza e concesso in comodato al Comune di Introd, la gestione del Castello è stata affidata alla Fondation Grand Paradis che ne garantisce la fruizione.

Il castello

Il castello di Introd sorge su un promontorio protetto dalle aspre gole del torrente Savara e della Dora di Rhêmes (il nome di Introd, infatti, deriva da “entre-eaux”, ovvero “tra le acque“) e risale probabilmente al XII secolo; come il castello di Graines, all’origine consisteva probabilmente in un mastio quadrato circondato da una cinta di mura.

Verso il 1260 Pierre Sarriod di Introd trasformò il castello primitivo, che in seguito alle modificazioni del XV secolo assumerà la forma poligonale quasi arrotondata che lo distingue tuttora dagli altri castelli valdostani. Queste trasformazioni segnano l’apogeo del casato Sarriod, nelle cui mani erano state riunite le signorie di Introd e di La Tour (Saint-Pierre).

Il castello subì due rovinosi incendi nella seconda metà dell’800 e venne poi restaurato all’inizio del ‘900 dal cavalier Gonella che si avvalse dell’opera dall’architetto Chevalley.

Di proprietà dei Conti Caracciolo di Brienza e concesso in comodato al Comune di Introd, la gestione del Castello è stata affidata alla Fondation Grand Paradis che ne garantisce la fruizione.

Aperti al pubblico il piano terra ed il parco.

La Cascina L‘Ola

L‘edificio accanto al castello, chiamato oggi “Cascina L‘Ola” servì in passato come stalla e pagliaio dei Signori d‘Introd. Più recente è la parte del vecchio stabile che è sostenuta da cinque grandi colonne e coperta da tetto aggettante. Di rilievo, sul lato ovest, l‘architrave di una porta, decorato da un motivo ad arco carenato.

Il granaio

Sulla spianata di fronte al castello si è conservata una magnifica struttura, uno dei rari esempi pervenutici di costruzioni interamente in legno tipiche dell’architettura del basso Medioevo valdostano: è il granaio quattrocentesco, dove si immagazzinavano il grano e le sementi. Attraverso una piccola porta, dotata di un‘interessante serratura gotica che raffigura un castello medievale riccamente merlato, si accede alle due sale che si trovano nel sottosuolo; queste, munite di feritoie, oggi sono completamente interrate.

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



giorgio

  • 01/09/2013

bellissima la cucina medioevale e la cascina con la serratura quattrocentesca, peccato sia visitabile solo il primo piano e non completamente

Storia

Benché menzionato per la prima volta soltanto nel 1242, il castello primitivo risale
probabilmente al XII secolo. La tipologia del castello ne indica la funzione essenzialmente di difesa, in seguito alle modificazioni del XV secolo assumerà la forma poligonale, quasi arrotondata, che lo distingue tuttora dagli altri castelli valdostani. Dopo due incendi, il castello fu venduto nel 1903 da Ambroise Sarriod di Introd al cavalier Gonella, che lo fece restaurare, negli anni 1912-1915, trasformando radicalmente l'antica struttura, di cui non restano che la torre, l'antica cucina e circa 17 metri del muro perimetrale sud.

 

Indirizzo: Località Plan d'Introd

Facilities