Rocca Di Vignola

Castello Emilia Romagna, Modena - Vignola

Epoca
Non Precisabile
Visitabile
Si, gratuito
Proprietà
Privata

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

La Rocca di Vignola domina la Valle del fiume Panaro e la sua imponente struttura è visibile anche in lontananza. Si presenta al visitatore come un possente quadrilatero, prodotto finale di tante fasi costruttive ed in particolare di quelle apportate dai Grassoni prima e dai Contrari poi, che l'hanno trasformata da roccaforte ad imponente residenza nobiliare.

La Rocca è, forse per tutti i Vignolesi, il simbolo più importante ed amato di identità geografica e culturale. Ad essa vengono associati i più significativi momenti storici della Valle del Panaro: dai tempi in cui, roccaforte, fungeva da bastione e da punto di aggregazione per gli abitanti, alla sua successiva trasformazione in elegante residenza quattrocentesca, polo d’attrazione per artisti, musici, letterati, politici.

Un costante ed attento lavoro di restauro ha consentito in questi ultimi decenni di recuperare, sia a livello architettonico che pittorico, l’intera struttura. Grazie alle ricerche storiche condotte è stato inoltre possibile risalire al significato complessivo degli affreschi, in gran parte databili al XV secolo, che decorano le sale del piano terra (sala dei Leoni e dei Leopardi, sala delle Colombe e sala degli Anelli) e alcuni locali del primo piano (sala delle Dame, sala degli Stemmi e sala dei Tronchi d’Albero). Le imprese e gli stemmi che campeggiano sulle pareti tramandano la storia della famiglia Contrari, evidenziando la sua stretta alleanza con gli Estensi.

Nella Cappella della Rocca si può ammirare il prezioso ciclo di affreschi tardogotici commissionato da Uguccione Contrari, anch’esso recentemente restaurato. I dipinti, raffiguranti le Storie di Cristo, sono attribuiti al “Maestro di Vignola”, personalità di spicco dell’arte emiliana dei primi decenni del Quattrocento, di cui per ora non si conosce il nome. È molto probabile che il committente, amico e consigliere di Nicolò III d’Este, si sia rivolto a un membro della cerchia di artisti che gravitava attorno alla corte estense nei primi tre decenni del XV secolo. Il “Maestro di Vignola” riesce in questa sua opera a sintetizzare in modo originale i caratteri della cultura figurativa estense, che risentiva di influssi emiliani, veneti, lombardi, e del portato dell’arte di Giovanni da Modena e di Gentile da Fabriano, nonché degli stilemi della miniatura di ambito ferrarese.

Altro splendido ambiente affrescato è la sala del Padiglione, che deve il nome alla rappresentazione di una grande tenda, con i lembi aperti e finemente decorata, davanti alla quale stanno due personaggi che la critica ha voluto identificare in Battistina Campofregoso e Ambrogio Contrari, sposi nel 1461. Proprio la scena del loro matrimonio è rappresentata all’interno di mura merlate che lasciano immaginare la struttura di un giardino pensile, abbellite da melograni, tralci di fiori e foglie, oltre le quali appaiono molteplici varietà di piante da ornamento.

Completano l’edificio le sale degli Armigeri, i panoramici camminamenti e le tre torri denominate: di Nonantola, delle Donne e del Pennello. Nei sotterranei, dalle antiche cantine sono state ricavate due sale convegni in cui si svolgono annualmente molteplici eventi: la sala dei Contrari, idonea ad ospitare incontri, concerti e spettacoli teatrali, e la sala Grassoni, più indicata ad accogliere corsi e riunioni di carattere tecnico.

L’accostamento tra valori storico-artistici riproposti nella loro forma più elevata e il restauro funzionale ha contribuito a conservare, valorizzandolo, l’antico monumento, rendendolo fruibile in tutti quei momenti in cui la città vuole presentare all’esterno la propria immagine più qualificata.
Questo prestigioso contenitore di eventi culturali di rilievo, rappresenta per Vignola e per le province di Modena, Bologna e Reggio Emilia, una meta ambita per migliaia di visitatori, che ogni anno scelgono di ammirare una delle strutture castellane quattro-cinquecentesche della regione meglio conservate e più interessanti dal punto di vista artistico.

D’altra parte l’obiettivo perseguito dalla Fondazione di Vignola, proprietaria della Rocca dal 1998, è quello di valorizzarne le potenzialità rendendola sempre più fruibile per le attività culturali, sociali e del mondo della scuola di Vignola e dei centri e territori limitrofi. Nel contempo lo sforzo della Fondazione va nella direzione di fare conoscere in modo approfondito il grande valore storico-artistico dell’edificio, rendendolo il più possibile funzionale e adeguato ad ospitare un turismo consapevole, ed eventi culturali di ampio respiro organizzati in collaborazione con i più importanti enti istituzionali.

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

Per chi arriva da Milano sull'Autostrada A1, Uscita Modena Sud in direzione Spilamberto, Vignola (km 12).
Per chi arriva da Bologna sull'Autostrada A1, Uscita Bologna Casalecchio in direzione Bazzano, Vignola (km 20).

Parcheggio per auto: Via Zenzano, collegato con sottopassaggio a Piazza dei Contrari.

Parcheggio per pullman: Via Zenzano. Gli autisti possono accompagnare i passeggeri fino alla Rocca (Via Ponte Muratori), per poi parcheggiare in Via Zenzano.

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



lanfranco viola

  • 28/05/2011

castello recuperato con competenza ed amore, come dovrebbe avvenire sempre, da promuovere meglio, per l'alto valore di richiamo turistico che rappresenta per tutto il Centro Storico di Vignola

Storia

La storia di Vignola e quella della Rocca procedono di pari passo, dando luogo ad una perfetta osmosi tra l’edificio castellano e il tessuto urbano circostante. Ciò è avvenuto nel corso di un lunghissimo arco di tempo che va dalle lotte dei feudatari nei secoli medievali alla seconda guerra mondiale, quando le possenti ed antiche mura sembravano il più sicuro rifugio dagli orrori del conflitto.

Il toponimo Vignola deriva dal latino “vineola”, che significa “piccola vigna” e, ancora oggi la pianta della vite compare nel gonfalone della città. La prima menzione di questa località si ritrova in un documento dell’Abbazia di Nonantola datato 826.
Non si conosce, invece, con certezza l’anno di fondazione della Rocca, ma si può ragionevolmente supporre che sia stata edificata negli anni successivi alla fine della dinastia Carolingia per fronteggiare le invasioni degli Ungari, quando a difesa dei nuclei abitati vennero innalzate torri e recinti fortificati.

La tradizione attribuisce alla stessa Abbazia nonantolana l’erezione di questo primo fortilizio. Un documento risalente al 936 attesta che in quell’anno Vignola era sottoposta al dominio del Vescovo di Modena. Un’altra testimonianza documentale prova l’esistenza della Rocca almeno a partire dal 1178.

Sino ai primi anni del Quattrocento l’edificio ebbe funzioni militari. Nel 1401 il nobile ferrarese Uguccione Contrari ricevette in dono dal signore di Ferrara Nicolò III d’Este il feudo vignolese. Nei due decenni successivi la Rocca mutò profondamente la sua funzione, trasformandosi nella sontuosa dimora riccamente affrescata della famiglia Contrari, abituata agli agi e alla magnificenza della corte ferrarese.

Estinta questa dinastia, con la morte violenta di Ercole Contrari il giovane, nel 1577 la Rocca passò ai Boncompagni, che affidarono l’amministrazione del feudo a un governatore, visitando Vignola sporadicamente.

Nel corso dell’Ottocento all’interno dell’edificio castellano hanno trovato sede le istituzioni politiche e sociali della città: il Municipio, la Biblioteca, e la Cassa di Risparmio di Vignola, che ne ha acquisito la proprietà nel 1965.

 

Indirizzo: Piazza dei Contrari, 4

Facilities