Rocca Di San Leo

Castello Emilia Romagna, Rimini - San Leo

Epoca
VIII Secolo
Visitabile
Si, pagamento
Proprietà
Comune

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



giachi81

  • 01/02/2014

rocca piena di fascino e tenuta in perfetto ordine...peccato per le molte stanze vuote

astrid

  • 12/02/2012

Imponente e suggestivo se visto dal piccolo borgo medievale di San Leo ,quasi un tacito guardiano del borgo stesso .Bellissimi panorami e rico di contenuti storici ..irrinunciabile la visita nella cella del Conte di Cagliostro

kelsey

  • 12/02/2012

bellissimo per le vedute e ricco di contenuti storici ,suggestiva la veduta dal piccolo borgo medievale di San Leo ,dal quale emerge come un imponente guardiano irrununciabile la visita alla cella del conte di Cagliostro ..molto suggestivo

Alice

  • 06/08/2010

Assolutamente da visitare!!

Storia

Altura sacra agli dei quando vi giunse il Santo Leo nel 3° secolo, fu da questi ritenuta luogo ideale per la diffusione del cristianesimo che da qui, infatti, si irradiò per tutta la regione circostante, configuratasi più tardi come diocesi di Montefeltro (l'antico nome della città). Nel turbinio di guerre fra Goti e Bizantini, Longobardi e Franchi, San Leo vede crescere la sua fama di fortezza inespugnabile. Elevata a rango di capitale del Regno Italico nel 963 da Berengario II° qui rifugiato, la minuscola ma fortissima città subì per parecchi mesi l'assedio di Ottone I°, l'imperatore di Germania. Intorno al 1200 ha inizio qui la signoria dei conti di Montefeltro che, divenuti poi duchi di Urbino, tanta parte avranno nello sviluppo della civiltà rinascimentale. Intanto la rocca si amplia e si abbellisce, soprattutto per il genio di Francesco di Giorgio Martini, architetto militare dei duchi di Urbino. Il bembo lo definisce "mirabile arnese di guerra". I fasti politico-militari di San Leo cessarono nel 1631 quando, estintasi la famiglia ducale di Urbino, il territorio passa allo Stato Pontificio. La rocca, cessata la sua funzione militare, viene degradata a carcere. In essa finisce i suoi giorni, tra gli altri, Giuseppe Balsamo, meglio conosciuto come Conte di Cagliostro, figura enigmatica e piena di fascino, intorno alla quale si è dispiegata una vasta letteratura.

 

Indirizzo: Sommità del colle sopra il paese

Facilities