Casaforte Villette A Cogne

Castello Valle d'Aosta, Aosta - Cogne

Epoca
XIII Secolo
Visitabile
NO
Proprietà
Privata

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

La Casaforte Villette sorge in frazione Laydetré (che significa "al di là dei tre") verso la Valnontey.

Un tempo constava di due fabbricati: una torre massiccia e ampia con funzione residenziale che era annessa al rifugio dei poveri; un secondo edificio che è stato poi trasformato nella villa Giacosa-Malvezzi.

Nel 1531 fu distrutta da un incendio e il Vescovo Gazino riunì i capifamiglia della parrocchia per provvedere alla ricostruzione.

Gli abitanti di Cogne fornirono così i materiali ( legname, pietra, calce e lose) e prestarono una giornata di corvée per famiglia. Dal canto suo il Vescovo si impegnò a far cuocere la calce e a retribuire i muratori.

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

 Uscire al casello autostradale A5 a Saint Pierre - Aymaville - Cogne. Proseguire direzione Cogne. Arrivati in centro paese svoltare a destra per la Valnontey. Dopo circa duecento metri la Casaforte  Villette si trova sulla sinistra.

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

La Casaforte di Villette fu costruita dal Vescovo di Aosta Umberto di Villette tra il 1266 e il 1271.

Originario della Tarantasia, secondo l'obitus contenuto nel Martirologio della Cattedrale di Aosta che recita:" Obiit dominus Humbertus de Vileta episcopus Augustensis qui edificavit domum de Cogny".

Nel 1363 nella Casaforte si rinchiuse il castellano del vescovo, minacciato dagli abitanti di Cogne in rivolta.

Distrutta da un incendio nel 1531 fu ricostruita dagli abitanti sotto la direzione del vescovo Gazino.

Ridotta a rudere, la Casaforte fu trasformata nel 1873 in rifugio dei Poveri.

Adiacente fu costruita agli inizi del ventesimo secolo la villa Giacosa-Malvezzi.

 

Bibliografia

Architettura in Valle d\'Aosta - Il Romanico e il Gotico - Dalla costruzione della cattedrale ottoniana alle committenze di Ibleto e Bonifacio di Challant  - 1000-1420 di Bruno Orlandoni. Priuli & Verlucca editori. 

 

Indirizzo: Frazione Laydetré, rue Grand Paradis 30

Facilities