Castello Reale A Cogne

Castello Valle d'Aosta, Aosta - Cogne

Epoca
XIII Secolo
Visitabile
Nessuno
Proprietà
Regione

Verifica gli orari prima di effettuare una visita

Descrizione

 Il castello Reale di Cogne (AO) sorge accanto alla chiesa parrocchiale.

E' una casa torre massiccia più volte rimaneggiata.

Dopo aver servito per molti anni da albergo, è diventata colonia estiva delle suore di San Giuseppe e ora è un residence, nato dall'accurata ristrutturazione: la sua torre originaria risale al 1200.

L'edificio è stato dichiarato monumento nazionale per l'importanza storica rivestita.  

Il residence oggi è composto da 12 appartamenti su cinque piani serviti da ascensore, con vista sul massiccio del Gran Paradiso e sul Monte Bianco.

Condividi


Prezzi ed orari

Come raggiungere

 Uscire al casello autostradale A5 Aosta Ovest - St.Pierre e seguire le indicazioni per Cogne.

Arrivati a Cogne, in corrispondenza della rotonda, all'inizio del centro abitato del paese, svoltare a sinistra verso Gimillan e Lillaz.  

Quindi svoltare subito a destra in via Grappin che conduce al Castello Reale.

La tua esperienza personale può essere di grande aiuto agli altri viaggiatori. Grazie!



Storia

 Le prime tracce relative all'esistenza del Castello Reale a Cogne risalgono al 1191. In quell'anno il Vescovo di Aosta Gualberto, ottenne dal Conte Tommaso di Savoia l'autorizzazione a erigere un castello. Non si sa con precisione quando Gualberto abbia fatto costruire l'edificio difensivo. E' accertato che tra il 1245 e il 1246 esisteva il castello, costruzione che dovrebbe risalire al 1202, anno in cui fu consacrata la nuova chiesa parrocchiale.Da questo importante luogo il Vescovo di Aosta, in qualità di signore spirituale ma anche di Conte di Cogne, poteva amministrare i diritti temporali e spirituali sulla vallata.

Durante i secoli la torre fu occupata dal castellano del vescovo che, in veste di luogotenente amministrava la contea in vece del prelato.

Successivamente ospitò anche un presidio fisso di guardie.

Nel castello venivano discussi i problemi e la comunità locale, convocata al suono del campanile, vi si riuniva in udienza generale, così come riferito in diversi documenti del Quattrocento.

Nel maniero vi era anche una cappella dedicata a Santa Caterina che era ritenuta uno dei più bei oratori della valle.

Le cronache riportano che nel 1531 ci fu un grave incendio: non è però chiaro se l'incidente colpì il castello o la torre. Si sa che la torre fu ricostruita nel 1533 grazie al vescovo Gazin.  

Tra il Seicento e il Settecento l'edificio fu trascurato tanto da essere considerato in precarie condizioni.  Nel 1741 il castello fu innalzato di un piano e dopo la visita di Carlo Emanuele III di Savoia fu trasformato da casaforte cintata  in casa disarmata. Il complesso perse quindi la sua funzione difensiva, motivo che contribuì al progressivo abbandono.

 Nel 1829, dopo l'affrancamento del Comune di Cogne, la torre rimase nelle mani del prelato. Da allora le sue stanze furono utilizzate per diversi scopi: come alloggio per turisti, appartamento del medico condotto Argentier, sede della Rettoria, stazione dei Regi Carabinieri. Inoltre, sino al 1865, la parte superiore ospitava il primo osservatorio meteorologico alpino diretto dall'Abbé Carrel.  

Nel 1867, il castello fu messo all'incanto ma rimase invenduto. L'idea allora fu quella di interessare il Re  che si recava a Cogne per le battute di caccia. Così nel 1873, Vittorio Emanuele II lo acquistò e lo trasformò in palazzina di caccia. Nel 1874, fu costruita una scuderia attigua e il I° agosto il re entrò per la prima volta nel "palais royal de Cogne". L'importanza che assunse la dimora e il fatto che il re vi trascorresse parte dell'estate, richiese l'installazione di un ufficio telegrafico che entrò in funzione nel 1875. Nel 1900, con l'avvento al potere di Vittorio Emanuele III, il castello fu venduto. L'acquisizione fu fatta nel 1915 dalla Società Ansaldo che lo cedette nel 1924 a un privato che lo adibì ad albergo.

Successivamente, dopo essere stato occupato dalla congregazione  delle Suore di San Giuseppe, fu ceduto alla Regione Autonoma Valle d'Aosta.  

 

Indirizzo: Via Dott. Grappein 52

Facilities

Sposati in questo castello